venerdì 15 aprile 2016

25 fatti libreschi su di me (noi)

Salve avventori! 
Anche noi abbiamo deciso di partecipare a questo carinissimo tag-post, accettando l'invito di Veronica del blog  "Gli alberi da libri" che ci ha gentilmente nominato.
Ed eccoci qui a raccontarvi i nostri venticinque, anzi ben cinquanta, fatti libreschi, perché sia io che Little Pigo abbiamo voluto partecipare...
Detto questo vi lasciamo alle nostre risposte, sperando di non annoiarvi troppo XD



* Muriomu *

1 Questo spazio, Café Littéraire, è nato dal sogno condiviso con mia sorella e collega Little Pigo di aprire un vero e proprio café letterario.
Un luogo dove leggere, discutere di libri e gustare deliziose tazze di cioccolata *-*
La realizzazione concreta del sogno sarebbe stata un po' troppo complicata, quindi per ora ci accontentiamo del nostro localino virtuale.
Speriamo comunque che vi risulti un luogo piacevole e accogliente in cui passare piccoli momenti delle vostre giornate.

2 Per qualcuno l'amore per la lettura è nato grazie ad un genitore, ad un insegnante, ad un libraio ecc. 
Il mio amore per le storie invece è nato grazie a Frances H. Burnett, in particolare grazie al suo romanzo "Il giardino segreto"

3 In genere non rileggo libri già letti, ma il succitato "Il giardino segreto" è uno dei pochi che rileggo spesso e che, soprattutto quando inizia la primavera, ho voglia di rileggere.

4 Nonostante io sia un'adulta (ahimè si, anche se ancora stento ad accettarlo XD) le storie che prediligo sono quelle per ragazzi. Le trovo più profonde e meno frivole di molte letture considerate per adulti.

5 Qualche anno fa mi è venuta la curiosità di leggere le versioni originali delle fiabe più o meno note. Pinocchio, Cenerentola, La Sirenetta, Barbablù e così via... 
Sono rimasta scandalizzata dalla brutalità delle scene narrate e dal metodo educativo minatorio di un tempo. 
Io, ed ero già bella grande, le ho trovate inquietanti quindi mai e poi mai le darei in mano ad un bambino! 

6 Un paio di anni fa invece, ho scelto di leggere tutti i romanzi canonici di Jane Austen, uno dietro l'altro, seguendo il loro ordine di uscita.
Ho iniziato con "Ragione e sentimento" e apprezzavo il suo stile, ho concluso (in anticipo) con "Emma" che ne avevo fin sopra i capelli della Austen, delle sue scelte assurde e di quasi tutti i suoi protagonisti!!! >.<
Per procedere con quelli che mi restano, "L'abbazia di Northanger " e "Persuasione" , mi occorre del tempo. Non mi sono ancora ripresa del tutto XD 

7 Quando leggo un libro riesco a immaginarlo così bene nella testa che, quando poi mi capita di vederne la trasposizione cinematografica ne restò inevitabilmente delusa (salvo sporadiche eccezioni).

8 Rimango affascinata dalle belle copertine, e qualche volta mi è successo di acquistare un libro spinta principalmente da quello. Se una cover è proprio brutta, può succedere che il libro non lo prenda minimamente in considerazione.

9 A proposito del punto 8 credo che la maggior parte delle cover della Newton Compton siamo qualcosa di indecente! >__<

10 Non mi piace leggere le trame dei libri che voglio leggere! Mi sono spesso resa conto quanto queste dicano molto più del dovuto, molto più di quanto un lettore dovrebbe sapere. 
Le prime tre righe sono anche troppo.
Per me la lettura deve essere una sorpresa, altrimenti che gusto c'è?

11 Quando in una trama leggo le parole "angelo caduto", "demone" o "vampiro" smetto subito di leggere perché... che NOIAAA!!!
Le solite storie con questi ragazzi belli e dannati e le ragazzine svenevoli che gli muoiono dietro mi danno sui nervi in modo assurdo.
Ciò non vale ovviamente per "Dracula" che ho tutta intenzione di leggere al più presto.

12 Non amo i vampiri eppure io stessa un po' vampira lo sono. 
Amo leggere di notte, quando tutto tace. Il mio orario prediletto è dalle 2.00 alle 5.00.

13 Preferisco gli autoconclusivi alle saghe, ma nonostante questo i libri di "Harry Potter" e di "Hunger Games" rientrano tra i miei preferiti.

14 Il mio libro preferito di Harry Potter è "L'ordine della Fenice" perché è stato quello che mi ha fatto provare emozioni più forti. Rabbia soprattutto! 
Ma il personaggio più odioso a mio avviso non è la Umbridge, come molti potreste pensare, bensì Percy Weasley! Dio quanto l'ho detestato! Fossi stato nella sua famiglia l'avrei ripudiato senza se e senza ma!

15 Mi dico sempre che non inizierò un nuovo libro fino a che non avrò recensito l'ultimo letto, ma raramente mantengo fede alla mia parola XD 

16 Fin ora non ho mai abbandonato un libro neanche se mi annoiava a morte. Non tanto per principio, penso dipenda dalla mia curiosità... DEVO sapere come va a finire!

17 Amo i libri di carta, ma quando passo da una lettura digitale a quella cartacea sento tanto la mancanza delle varie opzioni che la lettura eBook consente: sottolineatura, ricerca termini e appunti.

18 Qualche volta leggendo libri cartacei mi è capitato di provare a sottolineare dei passi con il dito XD 
Di contro leggendo gli eBook ho provato a voltare letteralmente pagina chiudendo l'ipad... povera me!

19 Penso che dovrebbe esistere un girone dell'inferno apposito per tutti quelli che sottolineano i libri a penna (a dirla tutta sono contraria anche all'utilizzo delle matite).

20 Non mi piace leggere romanzi rosa in cui unica protagonista e fulcro della trama è la semplice storia d'amore. 
Attraverso i libri desidero conoscere cose nuove che non posso provare nella realtà. L'amore per fortuna lo conosco e dubito che una storia scritta in un libro potrà mai farmi emozionare più della mia (non per presunzione, eh, credo che la cosa dovrebbe valere per chiunque, almeno se si è innamorati).

21 Mi viene più facile scrivere recensioni su libri che non mi sono piaciuti rispetto a quelli che mi sono piaciuti tanto, perché in quest'ultimo caso le parole non sembrano mai all'altezza delle emozioni provate. 

22 Quando vedo qualcuno che legge un libro cerco in tutti i modi di capire di quale titolo di tratti. Sono curiosa! Ve l'ho già detto!
Forse anche per dar sfogo a questa malsana propensione è nata la nostra rubrica "Sotto l'ombrellone".

23 Ho finito lo spazio in casa per riporre i libri! 
Ho libri sistemati in doppie file in libreria (lo so è scomodissimo ma che posso farci!), ho libri nei cassetti dell'armadio, e altri riposti in scatoloni nascosti sotto il letto e nello sgabuzzino. E ora dove li metto?

24 Da quando ho Goodreads mi sono accorta che esiste gente che riesce a leggere più di 365 libri all'anno! Ovvero più di un libro al giorno! Ma come fanno? 

25 Quando termino un libro non riesco a iniziarne subito un altro. Ho bisogno di metabolizzare la storia e le sensazioni che questa mi ha dato. Di digerirla.
Dopotutto chiudere un libro è un po' come dire addio a delle persone che abbiamo imparato a conoscere e a voler bene. Dire addio alle loro vite e al loro mondo. 
Come un piccolo lutto. Passare subito ad un'altra lettura, immergermi in un'altra storia sarebbe in un certo senso mancare di rispetto a quei personaggi che mi hanno regalato tutto di loro, rendendomi partecipe delle loro vite, dei loro pensieri, ricordi e desideri. 


*Little Pigo*

1 Amo leggere la sera dopo cena, soprattutto in inverno, sul divano e sotto le coperte. Nella bella stagione invece preferisco farlo la mattina o il pomeriggio presto. 
L'ideale per me sarebbe leggere in un bel parco all'ombra di un albero (un ciliegio in fiore sarebbe perfetto), ma vivendo in una piccola città senza zone verdi, mi accontento di starmene sul balcone di casa mia.

2 Leggo tutti i generi di libro tranne gli erotici e le commedie romantiche.
Mi spiace ma non fanno proprio per me.
Già solo nel leggere di trame che vantano al loro interno la presenza di un affascinante e ricco imprenditore e di una semplice ragazza della porta accanto mi viene l'orticaria.

3 Uno dei miei sogni sarebbe quello di aprire un caffè letterario, che associ i piaceri della gola a quelli della mente. Se esistesse davvero, lì potreste trovare ogni genere di pasticcino, e poi torte, biscotti e crostate a volontà, accompagnate da bevande calde e zuccherose.
E naturalmente tantissimi libri da sfogliare quando vi va, di tutti i generi e per tutte le età!

4 Mi piace sbirciare le letture altrui. Che sia sul treno, in pullman o in spiaggia non riesco davvero a resistere all'irrefrenabile desiderio di sapere.
Nell'alba più splendente, nella notte più profonda, nessun lettore sfuggirà alla mia ronda XD 

5 So che la maggior parte di voi associano i libri al tè e ai biscotti. Io stessa, come vi ho confessato poco fa, ho sempre avuto il sogno di aprire un giorno un caffè letterario, eppure... non mangio mai mentre leggo! Quando ho un libro tra le mani mi concentro totalmente sulla storia, e poi non potrei mai coprire le pagine di briciole.

6 Da un po' di tempo non riesco a dedicarmi alla lettura come vorrei. I libri rappresentano ormai il relax della sera, da alternare a serie tv o a serate cinema.
Ecco perché negli ultimi mesi ho impiegato più di un giorno per terminare un romanzo, e a volte anche più di una settimana.
Il mio record l'ho toccato però con "Divergent", finito, non ci crederete, a un mese di distanza dalla prima pagina!
Ovviamente non ho letto effettivamente per trenta giorni, neanche fossi la peggiore delle lumache, ma la storia descritta dalla Roth mi annoiava talmente tanto che cercavo qualsiasi altra cosa da fare pur di non dover andare avanti.
Se solo penso che dovrò continuare prima o poi la trilogia mi sento male >_<

7 Possiedo tutti i libri di Harry Potter anche se, per ora, ho letto solo il primo.
Ho in programma di leggerli uno di seguito all'altro ma, non sentendomi in grado al momento di assumermi un impegno tanto grande, continuo a rimandare.

8 Adoro entrare nelle librerie, come la maggior parte di voi immagino.
Potrei passarci delle ore, frugando tra uno scaffale e l'altro.

9 Mi piace scrivere e cimentarmi con brevi racconti. Non ho mai tentato di pubblicarli. Forse un giorno, chissà.

10 Quando frequentavo le medie mi iscrissi ad un laboratorio di lettura e scrittura creativa.
Leggevamo libri, ci confrontavamo, e scrivevamo le nostre recensioni.
Forse l'origine di questo blog è nata proprio lì.
Un giorno in una manifestazione cittadina fui fortemente invitata dalla mia insegnante (leggi quasi costretta) a proclamare una delle mie recensioni in pubblico.
Non vi dico l'imbarazzo, però, con il senno di poi sono felice di aver fatto anche questa esperienza.
La recensione non la conservo più ma vi consiglio comunque il libro, ovvero "Il silenzio dei vivi" di Elisa Springer.

11 Oltre alla mia passione per i libri un altro mio grande amore è quello per l'arte.
Niente mi farebbe più felice che stringere tra le mani dei libri illustrati, che siano classici, favole o storie per ragazzi. Quindi se li avete e bramate dal desiderio di liberarvene, non fatevi problemi a recapitarli a casa mia XD 

12 Sempre per quanto riguarda il laboratorio di cui dicevo sopra ho un'altra confessione da farvi.
Non ho mai rubato libri né mai lo farei ma, nell'estate che seguì la fine della terza media, mi resi conto di non aver mai restituito uno dei libri che la scuola ci aveva fornito per il gruppo di lettura. Era lì nella mia cartella, eppure non me ne ero accorta (era un libricino piccolissimo)!
Inutile dire il mio senso di colpa nello scoprire di aver perpetrato a mia insaputa un vero e proprio furto.

13 Presto libri solo in rare occasioni e solo ai miei amici più fidati. 
Agli altri nada.

14 Al mio ultimo compleanno ho ricevuto, tra le altre cose, anche una splendida Feltrinelli Card.
Sul momento sono stata felicissima ma poi è giunto l'annoso dilemma... cosa compro? O meglio quale o quali (a seconda del prezzo) titoli togliere dalla mia lunghissima wishlist?

15 Sempre ad un compleanno ho ricevuto una copia del libro "Il piccolo principe", che desideravo tantissimo. Era un regalo così prezioso per me, ricevuto da una persona a cui tengo tanto, che non mi sembrava il caso di riporlo in libreria assieme a tutti gli altri libri.
Così ho pensato di conservarlo al sicuro, in un posto speciale, che solo io avrei dovuto conoscere.
O meglio, in un posto che neanche io conoscevo perché, vi sembrerà strano, ma non ho la più pallida idea di dove l'abbia messo. Ci penso e ci ripenso ma non riesco proprio a ricordare. Che tragedia T_T

16 Non piango vedendo i film e non piango leggendo i libri.
Pochissimi romanzi però possono vantare il merito di avermi fatto venire gli occhi lucidi.
Tra questi il racconto di Richard Matheson, "L'ultimo giorno".
L'ho riletto tantissime volte ma il finale non smette di emozionarmi.

17 Al momento la mia trilogia preferita è quella di Hunger Games, e sono assolutamente Team Peeta U_U

18 Ho letto parecchi romanzi dopo aver visto le trasposizioni cinematografiche tratte da essi, ma quasi tutte le volte che ho visto un film dopo aver letto il libro sono rimasta tremendamente delusa.

19 Uno dei miei continui buoni propositi è quello di recuperare i grandi classici.
Eppure, presa dalle nuove uscite, spesso dimentico di questo mio piccolo obiettivo, che passa irrimediabilmente in secondo piano.
Forse dovremmo organizzare un bel gruppo di lettura, che mi vieti di tornare sui miei passi.
Chi ci sta?

20 Leggo sia cartacei che ebook, ma il profumo della carta rimarrà, almeno per me, insostituibile.

21 A proposito di ebook, adoro la possibilità di poter evidenziare i miei passi preferiti (cosa che con un libro vero e proprio non oserei mai fare!) o il poter aggiungere pensieri e annotazioni.
Così posso rileggerli nel tempo e ricordare le emozioni provate nel corso della lettura.
Non è meraviglioso?

22 Scelgo i libri dalla copertina o, come mi piace pensare, sono loro a scegliere me.
Mi piacciono i romanzi che, già a prima vista, trasmettono l'idea di avere qualcosa di speciale.
Ovviamente tante cose concorrono poi all'effettivo acquisto, e solo un bellissimo biglietto da visita non sarebbe sufficiente.
Però una cover curata in ogni dettaglio che fa bella mostra in libreria di certo non guasta.

23 Cosa si nasconde sotto la sovraccoperta?
Ve lo siete mai chiesti? Io sì, infatti una delle prime cose che faccio quando ho un libro tra le mani è sbirciare cosa si cela sotto la cover rimovibile.
Alcune sono curate, altre meno. Talvolta addirittura più belle e particolari di quelle esterne.
Per cui, se non lo avete ancora fatto, correte a scoprire tutti i vostri libri XD 

24 Qual è il colmo per una bookblogger?
Non avere una vera e propria libreria nella sua città.
Strano ma vero, e aggiungerei vergognoso, ma da un po' di anni nel posto in cui vivo si possono trovare libri solo nelle grandi catene che vendono un po' di tutto.
Ma di un luogo pieno solo di scaffali e di romanzi da sfogliare nemmeno l'ombra.
Mi tocca approfittare delle uscite fuori città per fare la tappa shopping libresco.

25 Se fossi un personaggio letterario mi piacerebbe essere forte come Katniss Everdeen, simpatica come Idgie Threadgoode, determinata come Mary Lennox, e sognatrice come Sara Crewe.


A nostra volta invitiamo a partecipare:
Simo - La Biblionauta 
Rosa leggo e scrivo 
Chocolate and book
L'albero delle mele

Saremo comunque curiose di leggere il tag di chiunque voglia partecipare, dunque lasciateci il link dei vostri post di seguito al vostro commento ^_*

20 commenti:

  1. Quale onore, una doppia nomination!
    Da Nik e da voi due!
    E' una fortuna allora che stanotte mi sia data da fare per scrivere (finalmente) il mio tag. Dovrei postarlo in giornata.
    Con Little Pigo condivido pienamente i punti 13, 23 e 24. Che vergogna confessare che anche nella mia cittadina una libreria proprio non c'è. Una volta avevano messo una fumetteria: chiusa pochi mesi dopo.
    Muriomu, che dire, sei quasi il mio ritratto, esclusi giusto i punti 6 e 10. Seguimi il mio consiglio: Northanger Abbey non ne vale la pena, ma Persuasione è un romanzo brevissimo e intenso, potrebbe piacerti.
    Vedo che anche tu trovi nauseabonde le copertine della Newton Compton. Sul serio, come fai a degnarle di attenzione? Si salvano giusto i classici in edizione Mammut.
    E i libri sottolineati a penna! Mi manda in combustione.

    Ho adocchiato "Il segreto delle gemelle" in lettura. Non vedo l'ora di leggere la recensione.
    P.S. Quando togli la sovraccoperta ai libri di Elisabetta Gnone, scopri una festa per gli occhi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa! Passerò a leggere i tuoi 25 fatti libreschi.
      Per Jane Austen quando sarà riprenderò da Northanger Abbey, mantenendo fede ai miei vecchi proponiti.. tanto se sono riuscita a sopportare Emma e Mansfield park, posso sopportare tutto XD

      Eh si, ho letto il primo capitolo di Fairy Oak! Che libro delizioso *-*
      La coperta anticata è una meraviglia, e anche l'impaginazione, le illustrazioni, tutto! Un vero gioiellino.

      Elimina
  2. Cara Muriomu, concordo assolutamente con te sul non voler leggere anticipatamente le trame dei libri nè storie di vampiri, lupi e altre creature che hanno spopolato negli ultimi anni...noiosi è dir poco! stessa cosa vale per i libri che hanno come unico tema l'amore. Nei libri ricerco la drammaticità, il paranormale e il fantasy!!:)
    Cara Little Pigo ti capisco quando dici che mentre leggi non mangi e non bevi per avere più concentrazione e la stessa cosa accade a me. Non riesco a fare entrambe le cose e quando c'ho provato ho fatto danni!! Non hai mai pianto per libri e film???Ma come fai? Io piango solo per questi e per tutti i film d'animazione della disney!! Quella della sovraccoperta non la sapevo, ora ovviamente dovrò guardare sotto tutte quelle che avrò tra le mani:)
    A entrambi vi auguro di aprire il vostro reale caffè letterario. Non importa in che città sarete, vi verrò a trovare sicuramente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io e Little Pigo siamo simili in molte cose, ma a differenza sua io riesco a piangere anche con i cartoni animati XD

      Grazie cara Nik per l'augurio e grazie ancora per la nomina ♥

      Elimina
  3. Bello il vostro post *__* da lettrice seriale non posso che sorridere di analogie e differenze con le vostre considerazioni e le mie abitudini :D

    ps. sono Nily dei "fiori di ciliegio", ora mi sto dedicando in modo particolare al mio nuovo blog monotematico e vi passerò a leggere e commentare da questo account. naturalmente siete le benvenute anchenel nuovo angolino, se vorrete passare a trovarmi e leggere di makeup :*
    Un abbraccio, Nily Annalisa ♥ http://cipriacioccolato.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nily! Passerò molto volentieri, mi piace moltissimo il nome del tuo blog ^-^

      Elimina
  4. Muriomu
    Nemmeno io rileggo i libri che ho già letto, solo alcuni parti di alcuni a cui sono particolarmente affezionata. E sono d'accordo sulle storie per ragazzi, anche a me piacciono tantissimo e spesso sono molto più profonde di quanto si creda.Ah e anche io odio profondamente le copertine della Newton Compton o.o
    Pigo
    ahh il caffè letterario è un'idea meravigliosa, con delle mie amiche ci avevamo seriamente pensato ehehe
    E concordo sul recuperare i grandi classici, vorrei leggerli tutti e poi trovo altri mille libri e me ne dimentico miseramente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe davvero bello se quel sogno del Café letterario diventasse realtà *-*
      Certo non sarà facile, ma sognare non costa nulla.

      Elimina
  5. La passione per Harry Potter accomuna un sacco di gente. Che meraviglia! *_*
    Belle le vostre risposte! Peccato che non vi piacciano i romanzi rosa. Io li adoro. E meno male, visto che li scrivo. XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende eh! Un libro ben scritto, con personaggi e trama non sono banali, piace sempre

      Elimina
  6. Vediamo se riesco a rispondere con calma a tutto quello che avete scritto =P
    Abbiamo molte cose in comune, vedo!
    MURIOMU:
    Anche io da bambina amavo Il giardino segreto, anche se, per pigrizia, non l'ho mai finito ç_ç ma conto di rimediare, prima o poi!
    Che anche io amo i libri per bambini e ragazzi non c'è bisogno di dirlo, vero? =P
    Per quanto riguarda le fiabe tradizionali, come avrò modo di spiegarti meglio anche nell'intervista che hai preparato per me, esse sono state scritte per motivi ben precisi, spesso contengono allegorie e hanno finito per sostituire i riti di passaggio dell'antichità, per cui è "normale" che siano crude, cruente e che facciano paura. Oggi noi le abbiamo avvolte in uno strato di mrbido zucchero filato, tagliando le parti meno consone ai bambini, ma sta di fatto che, forse, le fiabe censurate dell'età moderna finiscono per creare aspettative nei bambini al riguardo dell'età adulta che poi finiscono inevitabilmente per essere deluse (perdona il lungo discorso, frutto degli studi di pedagogia =P ). Comunque Barbablù è terribile, concordo con te! Se ti interessa l'argomento delle fiabe e di come quelle tradizionali intervenissero (e intervengano ancora) sulla psiche, ti consiglio la bellissima lettura di "Donne che corrono coi lupi" di Clarissa Pinkòla Estes, una meraviglia!
    Anche io, come te, ho avuto un approccio non proprio felice con Jane Austen. Due anni fa ho deciso di leggere il suo famosissimo “Orgoglio e Pregiudizio” e... disastro! L'ho letto a fatica, non lo sopportavo. Superata la metà, però, l'ho trovato molto più gradevole, e sono riuscita persino ad apprezzarlo. Non so se leggerò altro di suo, però.
    Sono d'accordo con te sulle copertine Newton Compton... davvero inguardabili >_<
    D'accordo anche per quanto riguarda angeli/demoni/vampiri! Tuttavia, oltre a “Dracula”, che hai già letto e apprezzato, mi sento di consigliarti altri due libri. Uno è “intervista col vampiro” di Anne Rice, anche il suo seguito, “Scelti dalle tenebre” merita, a me sono piaciuti molto entrambi e parlano di vampiri vecchio stampo, per cui credo che li apprezzerai! Poi consiglierei anche una sbirciata al romanzo d'esordio di Alaisse Amehana, “Io sono Vera”, che parla di un angelo un po'.... particolare. E' esilarante, scritto davvero bene, e anche io che odio angeli et similia come te, l'ho apprezzato davvero molto!
    Hai amato L'Ordine della Fenice?! Pazza! XD no, scherzi a parte, è il libro che ho odiato di più di tutta la serie, frustrante sotto moltissimi punti di vista. I miei preferiti sono Il prigioniero di Azkaban e Il Calice di Fuoco ;)
    Anche a me sono capitate le tue stesse cose con ebook/cartacei xD leggo pochissimo gli ebook, ma quando i capita, spesso mi è successo di voler girare le pagine del kindle come con i cartacei xD
    Anche io detesto chi sottolinea i libri ç_ç
    Perfettamente d'accordo con te anche riguardo i romanzi rosa, che odio profondo!
    Con tutto il resto, sono in sintonia con te, non mi dilungo oltre perché devo rispondere anche a Little Pigo =P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mirial! Grazie per il commento sono proprio curiosa di leggere i tuoi 25 fatti libreschi.

      Per quanto riguarda il discorso sulle fiabe tradizionali, la mia riflessione è opposta alla tua.
      Capisco che al tempo si era avvezzi a certi metodi educativi forti, anche a scuola i nostri nonni e padri erano picchiati dagli insegnanti. Era la norma. Addirittura erano gli stessi genitori a dire agli insegnanti di "usare le mani".
      E le mani, nei tempi passati, le usavano molto gli stessi genitori.
      Ma io sono del parere che la violenza gratuita sia nei fatti, che nelle parole e immagini non porti a nulla di costruttivo.

      Tu dici che i bambini devono essere abituati alla crudeltà del mondo e questo può anche essere vero, se si parte dal presupposto che il mondo sia cattivo a prescindere, come in effetti è, ma grazie a chi?

      La cattiveria non esiste a prescindere. Essa esiste perché l'uomo la insegna all'uomo.
      Il cattivo esempio conduce alla cattiveria.
      Cattivi genitori, crescono cattivi figli.
      E dove la colpa non è dei genitori , lo è di qualsiasi altra influenza negativa con cui il soggetto viene a contatto.
      Cattive conoscenze, cattive compagnie, cattivi amici a loro volta cresciuti da persone cattive e ignoranti.

      Dunque, in un mondo utopistico, nessun genitore avrebbe bisogno di mettere in guardia i suoi figli da nessuno.
      E quindi, sempre in quel mondo utopico, se tutti genitori smettessero di far conoscere ai loro figli la cattiveria questa smetterebbe di esistere.
      E uno dei primi momenti in cui un bambino viene a conoscere la cattiveria è proprio dalle fiabe che gli vengono raccontate.

      Poi hai ragione, il mondo reale è fatto di fin troppe cose brutte, quindi non vedo proprio il bisogno di far nascere in un bambino anche la paura per cose che non esistono.
      Streghe mangia bambini, mostri negli armadi, lupi cattivi, donne gelose che uccidono con mele avvelenate, ecc

      Certo, io e te lo sappiamo che sono metafore, che il lupo non è davvero un lupo, ma secondo te un bambino arriverebbe alla medesima conclusione?
      E quanti sono i genitori che spiegano davvero la metafora?
      E quanti invece quelli che si servono della storia del lupo come minaccia, perché sanno quanto questa possa incutere timore?
      "Se non mangi la minestra chiamo il lupo cattivo" quante volte abbiamo sentito dire cose simili?

      Sbaglierò, ma per me esistono modi e storie decisamente più costruttive per educare i bambini.
      La minaccia è una cosa sciocca e non raggiunge mai davvero lo scopo.
      È sempre meglio una buona spiegazione, come credo sia sempre meglio fare capire perché è bello fare le cose buone e non cosa ti succede a non farle.

      Mi sono forse dilungata troppo XD
      Ma l'argomento è da sempre per me motivo di riflessione.

      Per i libri sui vampiri si, in effetti “Intervista col vampiro” è l'altro libro sull'argomento che ho sempre desiderato leggere.
      E mi segno "Io sono Vera". Grazie per il consiglio.

      Siii, l'ordine della fenice mi è piaciuto proprio perché mi ha fatto arrabbiare tantissimo, e i libri che mi fanno provare emozione forti, nel bene o nel male, mi piacciono. XD

      Sono strana forse :P

      Elimina
    2. Condivido tutto quello che hai detto riguardo l'educazione, ho detto che si faceva così, non che fosse giusto. Ogni favola racchiude in sé significati più profondi che, appunto, richiamavano alla memoria i riti di passaggio, in cui il ragazzo/la ragazza doveva affrontare prove anche pericolose per entrare nell'età adulta. Forse si credeva nella selezione naturale un tempo, forse si pensava che fosse giusto così proprio perché il più forte sopravviveva, il più debole no, e c'era bisogno di individui forti per affrontare la durissima vita di ogni giorno (qui sto parlando di preistoria eh). Le favole hanno trasposto quei riti in storie fatte di parole, oggi non valgono più i riti di passaggio, non valgono neppure più le regole di un tempo. Come dicevo, e qui non mi smentisco, secondo me c'è bisogno anche di un pizzico di "bruttura", è necessaria se vogliamo anche nel mondo di oggi, ricco di insidie, ahimé. Logicamente, anche io preferirei un mondo migliore, dove la giustizia e il bene possano regnare sovrani, ma come dicevi tu stessa è utopia. Insomma, capisco e condivido il tuo pensiero al 100%, ma in questo senso mi sento coi piedi ben piantati a terra, forse anche per precedenti esperienze che mi hanno portato a crederla così.

      Elimina
  7. LITTLE PIGO:
    Come ho detto a Muriomu, anche io odio gli erotici, non a considero neanche “letteratura” quella roba xD Fino a qualche anno fa mi concedevo qualche rosa ogni tanto, ma solo se era ambientato in un periodo storico particolare, ora non riesco neanche più a leggere quelli, figurati!
    Il sogno di conciliare cibo e libri è anche uno dei miei sogni... uniamoci e apriamo un posticino accogliente, con dolci, caffetteria e... tanti libri!!! =D
    Anche io, come te, sto leggendo davvero pochissimo da un annetto ç_ç non ho più tempo e la cosa mi dispiace veramente molto. Poi, avendo una miriade di interessi, nel tempo libero devo cercare di dare libero sfogo a tutti, a turno, per cui è un disastro!
    Quattro anni fa, feci la pazzia di rileggere la saga di Harry Potter tutta di seguito. Ci impiegai un mese e mezzo, ma è stato bellissimo! E sono contenta di averlo fatto, perché probabilmente non ricapiterà più, dato che ormai il tempo è talmente poco che ci metterei due anni per finire tutta la saga xD
    Anche io non presto mai libri, sono gelosissima! E anche a me piace l'arte, peccato che i libri illustrati costino tanto, altrimenti ne avrei la casa piena xD
    Sai che anche io non mi commuovo leggendo libri? Cioè, mi emoziono moltissimo, magari, ma mai tanto da arrivare alle lacrime.
    Sono d'accordo su tutto, comunque: anche io guardo sempre quello che si nasconde sotto la sovraccoperta, anche io mi lascio guidare dall'istinto molto spesso, i libri mi chiamano, come giustamente dicevi anche tu =D e la copertina è sicuramente un incentivo in più per comprare o meno un libro.
    Capisco (in parte) il fatto di non avere una ibreria in città, ed è bruttissimo. Nella città in cui abitavo fino a pochi mesi fa c'era una sola libreria, piccola e mal fornita, purtroppo. A voler ordinare libri, sarebbero arrivati dopo un mese, per cui spesso li compravo su amazon oppure aspettavo di andare alla città vicina (una volta alla settimana ;). Adesso invece abito in una città con due librerie, una delle quali abbastanza grande e fornita, purtroppo però sono un po' io fuori mano, perché non abito in centro, ma in collina, quindi mi viene scomodo comunque.

    Bene, ragazze, il mio chilometrico commento è concluso =P Appena riesco posterò sul mio blog anche i miei 25 fatti libreschi su di me! Si salvi chi può!!! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche da me fino a qualche anno fa c'era una libreria, ma quando ho provato ad ordinare qualche libro sono arrivati dopo un paio di mesi, e una volta era addirittura il titolo sbagliato.
      Quando si è chiusa non è stata una grande perdita, però una città senza libreria non si può proprio sentire.
      Grazie per il tuo commento, mi fa piacere notare che abbiamo parecchie cose in comune.
      Passerò a leggere anche i tuoi fatti libreschi!

      Elimina
  8. Ciao ragazze, ho letto con piacere i vostri 25 punti e devo dire che siete un perfetto mix, infatti mi sono ritrovata in molti punti di entrambe: dalla maggiore facilità di recensione negativa di Muriomu al non piangere per letture o film di Little Pigo.
    Alla prossima! :)

    RispondiElimina
  9. Ciao! Che bello il vostro Post, mi metto d'impegno per rispondere ad entrambe le autrici.

    - Da piccolina i miei genitori mi hanno regalato un libro meraviglioso e molto corposo *365 storie della Buonanotte di Teresa Buongiorno* con una storia da leggere per ogni giorno dell'anno.
    Chiedevo a tutti di leggere per me e non vedevo l'ora di poterlo fare da sola. Considera che non erano favole: si parlava delle Piramidi, di Gandhi, di Stevenson, Sandokan, Il mago di Oz, Imperatori e regine realmente esistiti, vite di scrittori.
    -Entro raramente nelle librerie, perchè i romanzi che vorrei acquistare sono davvero tantissimi e mi dispiace doverli lasciare lì. Non lavoro ancora quindi non posso chiedere spesso ai miei genitori i soldi necessari per gli acquisti.
    - Il Piccolo principe lo adoro. Ne abbiamo due copie a casa: una mia ed una di mia madre. Ho citato qualche passo di quella meraviglia in alcuni momenti molto felici o molto tristi della mia vita.
    - Non presto i miei libri. Il cane di una mia amica ne ha distrutto uno, una sorellina ha strappato a metà un romanzo, un mio caro amico lo ha perso durante il trasloco ed il mio ex fidanzato mi ha lasciata il giorno che gli ho portato il volume che mi aveva chiesto. Casualità? Mah XD
    - Nemmeno io mangio durante la lettura, preferisco concentrarmi solo sulle pagine. Fosse per me rimarrei in poltrona per ore.

    Se volete, trovate 15 fatti libreschi su di me a questo link: http://liberatrailibri.blogspot.it/2016/04/oh-my-tag-1-15-fatti-libreschi-su-di-me.html

    Un salutone
    Leryn

    RispondiElimina
  10. qua il mio post http://robbyroby.blogspot.it/2016/04/tag-25-fatti-libreschi-su-di-me.html

    RispondiElimina

♥ Dimmi la tua ♥
Accetto volentieri saluti e commenti relativi all'argomento del post. Evitate i commenti volti esclusivamente a pubblicizzare i vostri blog. Grazie!