domenica 16 giugno 2013

Recensione: "Peter Pan nei giardini di Kensington" di James M. Barrie

Titolo: Peter Pan nei giardini di Kensington
Autore: James M. Barrie
Editore: Fabbri Editori
Data di pubblicazione: 2004
Pagine: 112
Prezzo: 13,50€ 

Trama: 
Il libro racconta alcune vicende avvenute nei giardini di Kensington.
Protagonista di molte di queste storie è il piccolo Peter.
Peter è un neonato di appena una settimana, quando abbandona la sua culla e vola via dalla finestra, che la sua mamma aveva lasciato inavvertitamente aperta.
Peter vola, perché tutti i bambini, prima di esser tali, sono uccelli, e riescono a volare fino a che non si rendono conto di non esserlo più.
Da qui hanno inizio le avventure del piccolo Peter, il suo amore per i bellissimi giardini, di giorno pullulanti di piccini e dei loro giochi e di notte popolati dalle fate.
Peter in questi giardini stringe varie amicizie, tra queste, quella con le fate, che se prima gli saranno avverse, successivamente gli saranno fedeli amiche.
Peter è felice nei giardini, ma qualcosa lo turba.
Il desiderio di tornare dalla sua mamma, di risentire il calore dei suoi baci lo porterà a dire addio ai giardini e alle fate e a far ritorno a quella stanza, da dove anni prima era scappato...

Recensione: 
Il racconto è suddiviso in sei capitoli, ognuno dei quali ci narra una parte precisa della storia.
Elementi conduttori di ogni storia sono i giardini e la figura di Peter.
Nel primo capitolo, vengono descritti ampiamente i giardini e le loro bellezze.
Nel secondo capitolo, si parla di Peter che abbandona la culla, sorvola i giardini e giunge all'isola degli uccelli, dove avviene l'incontro con il tordo Salomone.
Nel Terzo capitolo, Peter trova un modo per navigare la serpentina, in modo da poter andare e venire dall'isola.
Nel quarto capitolo, è narrata l'amicizia di Peter con le fate, e il desiderio di Peter di tornare dalla sua mamma.
Nel quinto, è narrata la storia della piccola Maimie e di come, in una sera d'inverno, si ritroverà chiusa all'interno dei giardini.
E nel sesto, l'incontro tra Maimie e Peter e la nascita del loro affetto.
Questi racconti ci vengono narrati da una figura esterna, di cui non ci viene mai rivelata l'identità, almeno non in questo libro (leggi curiosità) e dal suo amico David, che, come dice lo stesso narratore, "aggiunge particolari alla storia".
Non sappiamo se i due ragazzi stiano raccontando storie vere, storie inventate da loro in quel momento, o leggende tramandate negli anni.
Da quanto ci dicono però, Peter Pan è conosciuto da tutti, e le storie da loro narrate, anche.
Il racconto è fluido e appassionante.
Ogni capitolo aggiunge particolari alla storia, che si compone man mano come un puzzle, e curiosità nel lettore.
È una fiaba, e come tutte le fiabe ha un duplice compito, quello di ammonire i bambini dal compiere determinati errori, e quello di avere una morale.
Nonostante sia una fiaba, il racconto non è narrato in modo tale da ricevere consensi esclusivamente da parte dei bambini, risulta anzi, una lettura piacevole anche per gli adulti.

Considerazioni: 
Se non hai letto il libro e hai intenzione di farlo fermati qui!
Come in ogni fiaba, anche in questa non mancano elementi contraddittori e che creano confusione a rigor di logica.
Ma, fiaba e logica sono due parole che non possono stare nella stessa frase. 
Immaginare un bambino di una sola settimana, parlare, suonare, ballare, fare ragionamenti anche complessi, mi ha fatto pensare che sarebbe stato tutto più plausibile se il protagonista fosse stato un ragazzino più cresciuto.
Inoltre nelle fiabe non ho mai apprezzato i particolari macabri inseriti con l'intento di spaventare i bimbi per renderli ubbidienti o per insegnar loro lezioni di vita. 
Non occorre traumatizzare per educare.
Dunque, avrei evitato di descrivere le fate come furiose assassine dei bambini che si avventurano nei giardini di notte.
Tutto questo per dire cosa? Non scappate di casa, altrimenti le fate vi ammazzeranno?
Il libro comunque mi è piaciuto molto, fatta eccezione per questi particolari e per alcune cose lette nell'ultimo capitolo.
Ad esempio, l'amore sbocciato tra una bimba di quattro anni e un bambino di una sola settimana risulta troppo inverosimile.
Anche in questo caso avrei preferito leggere di un affetto sbocciato fra due coetanei.
La conclusione poi, con un Peter "becchino" e l'immagine delle due tombe dei bambini, si sarebbe, a parer mio, potuta evitare.
Di contro, ho trovato molto belli i paragoni creati tra il comportamento, e il carattere degli uccelli e quello degli uomini che poi questi sono diventati.
Molto importante e toccante la lezione di vita che il tordo Salomone dà a conclusione del capitolo quattro.

Curiosità:
Il testo del romanzo appare per la prima volta all'interno del libro "L'uccellino bianco" pubblicato da Barrie nel 1902 e ne costituiva i capitoli 13-18.
"L'uccellino bianco" è una raccolta di racconti ambientati nei giardini di Kensington, e in quest'opera Peter, non è altro che un personaggio minore tra i vari narrati.
Il libro non ebbe un vasto seguito, successivamente andò in scena l'opera teatrale più nota, ovvero il Peter Pan che tutti conosciamo, da cui poi sarebbe stato tratto il romanzo "Peter Pan e Wendy" il più grande successo dell'autore.
Proprio in seguito a questo gran successo, Barrie, raccolse i capitoli che interessavano la storia del neonato Peter Pan, presenti nel già pubblicato "L'uccellino bianco" (dal cap. 13 al 18) e li ripubblicò in un'opera autonoma e indipendente, dal titolo "Peter Pan nei giardini di Kensington".
Il libro in questione è antecedente a quello che narra del più noto Peter Pan, il bambino che viveva nell'isola che non c'è, e nonostante le somiglianze fra i due personaggi non si tratta di un prequel.
Pur presentando un personaggio con lo stesso nome e con la caratteristica di non voler crescere, i temi e il tono adoperati nelle due opere sono decisamente differenti.


Il mio voto per questo libro

8 commenti:

  1. Non sapevo esistesse un altro Peter Pan, devo ammettere che questa storia mi sembra anche più carina di quella di Wendy. Cercherò di trovarlo in libreria, mi ha incuriosita ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho letto il libro del Peter Pan "famoso", quindi non sia dirti quale sia meglio, però questo l'ho trovato molto carino ^_^

      Elimina
  2. Amerò sempre il piccolo Peter, chiunque esso sia :) C, xoxo.
    Blog
    Facebook
    BlogLovin

    RispondiElimina
  3. Hai un blog fantastico! ^-^ peccato io non abbia letto questo libro...sob :\

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! E' un libro davvero carino, lo consiglio

      Elimina
  4. L'ho letto molti anni fa, quando ero piccola, e lo ricordo poco. Rcirdo meglio l'altro, che è poi la versione più famosa della storia. però il particolare delle fate assassine (che mi aveva lasciato di sasso: ma come? le fate non sono belle buone e brave?!") e il fatto che mi ero immaginata i due portagonisti coem due coetanei, non riuscivo proprio a concepire che un bambino di una settimana si "innamorasse!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è vero, le fate assassine O__o
      Poi era proprio complicato immaginare un neonato capace di fare tutte quelle cose, di conversare e innamorarsi di una bambina di quattro. Due bambini di 11 anni sarebbero stati più verosimili XD

      Elimina

♥ Dimmi la tua ♥
Accetto volentieri saluti e commenti relativi all'argomento del post. Evitate i commenti volti esclusivamente a pubblicizzare i vostri blog. Grazie!