mercoledì 9 maggio 2018

Chi ben comincia... #38

Poche e semplici le regole:
♥ Prendete un libro qualsiasi contenuto nella vostra libreria
♥ Copiate le prime righe del libro (possono essere 10, 15, 20 righe)
♥ Scrivete titolo e autore per chi fosse interessato
♥ Aspettate i commenti
"Capriole sotto il temporale" di Katherine Rundell


Salve avventori!
Oggi vi propongo l'incipit del libro che sto leggendo attualmente, ovvero l'ultimo lavoro dell'autrice Katherine Rundell, "Capriole sotto il temporale".
Sono andata un po' avanti con la lettura e posso dirvi che per ora mi sta prendendo molto.
Nella scena con cui si apre il libro, e che qui riporto, la scrittrice ci introduce subito nella vita che Wilhelmina conduce nel selvaggio Zimbabwe. Un'esistenza fatta di cose semplici e vere, e di forti emozioni.
Buona lettura!

Wilhelmina sapeva che in alcune case c'erano vetri a tutte le finestre e lucchetti alle porte.
La fattoria dove abitava, però, non era fatta così. Se anche esisteva una chiave per la porta d'ingresso, Wilhelmina non l'aveva mai vista: dovevano essersela mangiata le capre che entravano e uscivano dalla cucina. La casa era in fondo ad una bellissima strada di campagna, nell'angolo più caldo dello Zimbabwe. La finestra della sua camera da letto era un'apertura quadrata nel muro. Durante il periodo delle piogge, Wilhelmina cuciva tra loro i sacchetti di plastica formando una protezione da fissare alla cornice della finestra. Nella stagione secca entrava la polvere.
Anni prima un ospite della fattoria aveva chiesto a Will di quella finestra.
«Tuo padre potrà permettersi una lastra di vetro, no?»
«Mi piace essere un po' impolverata» aveva risposto lei «e anche bagnata». Polvere e pioggia volevano dire fango. Il fango era pieno di possibilità.

4 commenti:

  1. Non conosco il libro, ma la cover è davvero magnifica! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti assicuro che il libro lo è ancora di più *-*

      Elimina
  2. Quando ero bambina, mio nonno aveva un amico che viveva nello Zimbabwe. Ogni volta che tornava a trovarlo, ci raccontava queste storie pazzesche sul suo Paese: sembrava sempre di sentirlo parlare di un posto incantato, lontanissimo, incontaminato, selvaggio, bellissimo e anche un po' assurdo... Perciò, quando ho letto la trama di "Capriole sotto il temporale", sono subito stata assalita da una grandissima curiosità! *_____*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora te lo consiglio vivamente, sarà come risentire quelle storie. Il mondo descritto in questo libro parla di libertà e spensieratezza, di una vita senza preoccupazioni o scadenze da rispettare. Di un posto felice.

      Elimina

♥ Dimmi la tua ♥
Accetto volentieri saluti e commenti relativi all'argomento del post. Evitate i commenti volti esclusivamente a pubblicizzare i vostri blog. Grazie!