sabato 16 gennaio 2016

Chi ben comincia... #26

Poche e semplici le regole:
♥ Prendete un libro qualsiasi contenuto nella vostra libreria
♥ Copiate le prime righe del libro (possono essere 10, 15, 20 righe)
♥ Scrivete titolo e autore per chi fosse interessato
♥ Aspettate i commenti

La casa dei fantasmi di John Boyne

Buon sabato avventori!
Prima di lasciarvi al vostro fine settimana voglio condividere con voi l'incipit della lettura che mi sta tenendo compagnia in questi giorni, trattasi de "La casa dei fantasmi" di John Boyne.
Non l'ho ancora terminato, e non so se alla fine mi deluderà, i libri di fantasmi spesso mancano le aspettative, però per ora mi sta piacendo davvero moltissimo.
Adoro il periodo in cui ambientato, il luogo (Londra e alcuni freddi e nebbiosi paesi nei dintorni), l'atmosfera in cui è immerso, l'ambientazione (una vecchia e maestosa villa inglese), lo stile narrativo e discorsivo, e il fatto che si faccia spesso riferimento ai libri.
Spero di potervene parlare presto, e più dettagliatamente, in una recensione.
L'avete letto? Non ditemi se vi ha deluso però... non potrei ancora sopportarlo XD
“Londra, 1867 
 Se mio padre è morto la colpa è di Charles Dickens. 
 Quando torno al momento in cui la mia vita passò dalla serenità all’orrore, e ciò che è naturale divenne abominevole, mi ritrovo seduta nel salotto della nostra modesta casetta vicino a Hyde Park, a studiare i bordi sfilacciati del tappeto davanti al focolare, a chiedermi se fosse giunto il momento di comprarne uno nuovo o se cercare di aggiustarlo da me. Semplici pensieri domestici. Quella mattina pioveva, uno scroscio titubante ma ininterrotto, e quando spostai lo sguardo dalla finestra colsi il mio riflesso nello specchio sopra il camino, e il mio aspetto mi lasciò avvilita. Non ero mai stata attraente, ma la mia pelle era più pallida del solito, i capelli scuri erano crespi e trasandati. Le mie spalle erano ricurve mentre sedevo coi gomiti puntati sul tavolo, una tazza tra le mani, e mi allungavo nel tentativo di correggere la postura. 
Allora feci una cosa sciocca: mi sorrisi, nella speranza che un’espressione soddisfatta migliorasse l’effetto, e trasalii quando vidi un secondo volto, molto più piccolo del mio, restituirmi lo sguardo dall'angolo in basso dello specchio.”

7 commenti:

  1. Mai letto ma è in wishlist da secoli perché la copertina è troppo bella (per la serie: i motivi profondamente intellettuali per cui si decide di leggere un libro ^_^). Aspetto la tua recensione per il verdetto finale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh anche l'occhio vuole la sua parte!

      Elimina
  2. Bella la cover e intriganti le prime frasi. Io non l'ho letto ma ci farò un pensiero. Spero che non ti deluda:):)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno dei pregi di questo libro è che è davvero ben scritto :)

      Elimina
  3. La copertina di questo libro è bellissima, mi intriga... attendo una recensione per farmene un'idea più completa :D ♥

    RispondiElimina
  4. L'incipit è davvero interessante :) Spero che il resto del libro si riveli all'altezza! :)

    RispondiElimina

♥ Dimmi la tua ♥
Accetto volentieri saluti e commenti relativi all'argomento del post. Evitate i commenti volti esclusivamente a pubblicizzare i vostri blog. Grazie!